AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità MappaMappa del sitoProgetto SeOL

Regolamento per l'erogazione dell'assistenza economica e di contributi finalizzati


Titolo I
Concessione assistenza economica


Art.  1
La concessione dell’assistenza economica nelle forme appresso indicate, potrà essere disposta a seguito di apposita istanza da presentarsi su modello predisposto dall’Ufficio. Tale istanza sarà valida per tutto l’anno solare in cui viene presentata.

L’istanza, diretta al Sindaco, dovrà essere firmata dalla persona interessata, residente nel comune da almeno un anno.

I destinatari di detti vantaggi economici saranno:

a) nuclei familiari senza alcun sostegno economico, o che hanno una situazione reddituale insufficiente alle necessità del nucleo;
b) nuclei familiari , con un componente colpito da grave malattia, certificata da sanitario appartenente a struttura pubblica(1) con reddito insufficiente per l’acquisto delle relative medicine;
c) nuclei familiari privi di sostegno, che lamentano la detenzione di un familiare o che siano stati sfrattati o privati dei principali servizi ( energia elettrica, acqua);
d) detenuti rimessi in libertà, limitatamente ad unodue mesi, che dimostrino stato di disagio economico consequenziale allo stato di detenzione;
e) ragazze madri che non usufruiscono di alcun beneficio economico;
f) ragazze non coniugate, con figli minori a carico, senza reddito, col padre del minore che non presta alcuna attività lavorativa o che non somministra alla stessa, se separata, alimenti o assegno di mantenimento.

Detti interventi possono essere concessi unadue volte l’anno, preferibilmente in concomitanza di festività e nei limiti della disponibilità finanziaria dell’Ente. Gli accertamenti di cui al successivo art.4 debbono essere ripetuti dall’ Assistente Sociale per la seconda concessione.

(1) punto cosi’ modificato con emendamento n. 4788 del 24/3/1999

Art.  2
La richiesta di contributo, redatta sotto forma di dichiarazione, deve contenere oltre le generalità , recapito, numero telefonico, le notizie su:

· Situazione patrimoniale ed economica per ogni componente il nucleo familiare;

· Notizie sul possesso di automezzi e sull’alloggio occupato (proprietà, eventuale canone corrisposto, proprietario, etc.).

A comprova devono essere allegati i seguenti documenti :

1) copia mod.740 0 del mod.101 0 201 relativi all’anno precedente, in mancanza apposita dichiarazione sostitutiva;
2) Certificato di disoccupazione per i componenti che non frequentano la scuola dell’obbligo o scuole superiori;
3) Eventuale contratto di locazione, convalida di sfratto, etc;
4) Certificato medico o di detenzione ( se occorre).

Art. 3
In casi eccezionali e subordinatamente alla disponibilità economica possono essere concessi contributi in danaro con le modalità sopraddette a stranieri iscritti da un anno nell’anagrafe del comune, che si trovano nell’impossibilità di svolgere alcun tipo di lavoro proficuo sia per motivi di salute sia per grave disagio economico non vi sono altri componenti il nucleo familiare che prestano attività lavorativa retribuita.

Art. 4
Per ogni richiesta, verranno effettuati i seguenti accertamenti :

n sotto il profilo esclusivamente socio-economico familiare ed ambientale, con la visita domiciliare dell’assistente sociale;

n sotto il profilo patrimoniale da parte del Comando Vigili Urbani che può effettuare accertamenti particolari a mezzo di uffici competenti, nel rispetto delle disposizioni in vigore.

Delle due relazioni dovrà risultare chiara la situazione socio economica e patrimoniale del nucleo familiare, nonché se le notizie fornite siano veritiere, e se la richiesta di contributo sia giustificata e risulti l’effettivo stato di necessità.

Art. 5
Le istanze, munite dei pareri precedentemente detti saranno trasmesse alla Giunta Municipale per l’adozione della relativa delibera, corredate da :

n sintetica motivazione con la proposta o meno di accoglimento dell’istanza e sull’entità del contributo economico da concedere;

n parere tecnico nonché contabile dei capi settori Affari sociali e Finanziario, ai sensi dell’art.53, della legge 14290, come introdotta dalla L.R. n.4891;

Nella formulazione delle superiori proposte tenuto conto della effettiva disponibilità finanziaria dell’Ente, si dovrà attenzionare il numero dei componenti il nucleo, con particolare riguardo ai minori, il canone locativo eventualmente pagato, il possesso di automezzi, gli eventuali sussidi, assegni anche di invalidità |goduti da qualcuno dei componenti, etc.

Art. 6
La Giunta Municipale, esaminata la proposta di deliberazione corredata con quanto nel precedente articolo detto, concederà o meno contributo in danaro in danaro nella misura proposta con apposito atto deliberativo.

Art. 7
Se la concessione di un contributo in denaro si appalesa indispensabile ed urgentissimo, il Sindaco o l’Assessore delegato, di concerto con l’ufficio competente e con i pareri di cui alla L.R. n.4891, può disporre l’erogazione di un sussidio in denaro straordinario non superiore a £.700.000; con l’emissione di apposita ordinanza.

Detta ordinanza deve essere regolarizzata con delibera della GM entro quindici giorni dall’emmissione.

In casi eccezionali e di particolare gravità possono essere :

n assunti impegni di spesa o per esami clinici ed ematochiomici o per l’acquisto di generi di prima necessità in laboratori aperti nel Comune o in negozi iscritti all’albo dei fornitori, con spesa non superiore a £.150.000 mensili e per un massimo di 3 mesi.

n contributi economici in danaro , fino a £. 200.000 mensili e per un periodo non superiore a sei mesi in un anno; Dette spese saranno trimestralmente liquidate con delibera della G.M.

Art.  8
I beneficiari di contributi concessi a norma del presente regolamento, possono usufruire dell’assistenza economica partecipando ai lavori di pubblica utilità previsti nel relativo regolamento.

Art. 9
Per quanto non previsto nel presente si fa rinvio al regolamento tipo approvato dal Presidente della Regione con il D.P. 9|41997 n.57.

Sono abrogati gli artt. 9, 10,11,12,13 e 14 del Regolamento Comunale approvato con delibera consiliare n.33 del 27.03.1992.


Titolo II
Concessione contributi finalizzati per particolari categorie


Art.  1
Enti soppressi ex D.P.R. 24585

Coloro che hanno beneficiato dei contributi concessi per gli Enti soppressi ex D.P.R. 24585, potranno usufruire di contributi economici in denaro soltanto se rientranti - per motivi disagio economico, malattie, etc.- tra quelli previsti ed elencati all’art.1 del presente regolamento.

Art. 2
Trasporto soggetti portatori di handicap effettuato da privati

Ai privati (familiari o altri) che effettuano il trasporto di soggetti portatori di handicap in Istituti per la riabilitazione pscico-motoria e non usufruiscono del trasporto effettuato dagli Istituti, possono essere concessi contributi, quale rimborso spese, per ogni viaggio effettuato e documentato da idonea certificazione dell’Istituto. Annualmente la G.M., sulla scorta di quanto praticato negli anni precedenti, stabilisce l’entità del contributo, che deve essere rapportato alle distanze ed alla disponibilità economica dell’Ente.

Art.  3
Ricovero alternativo per minori ed anziani

In caso di riscontrata e documentata necessità di ricovero sia di anziani in strutture residenziali sia di minori in Istituti iscritti all’Albo regionale, in alternativa possono essere concessi contributi a famiglie disposte ad accudire l’anziano o ad avere affidato (con le modalità regolate da disposizioni regionali per l’affidamento familiare) il minore, con concessione di contributi fino al 50% di quanto dovrebbe essere corrisposto alla casa di riposo o all’Istituto. Prima di disporre l’affidamento o il ricovero, dovranno essere acquisite agli atti apposite relazioni dell’assistente sociale circa l’affidabilità del nucleo familiare, come pure circa la idoneità ed igienicità dei locali.


Titolo III
Contributo"Una Tantum" per spese sanitarie e farmaceutiche


Art. 1
Per le spese sanitarie e farmaceutiche che saranno sostenute nel corrente anno da persone residenti nel comune da almeno un anno, può essere concesso un contributo imborso spese “una tantum”.

Detto rimborso sarà concesso in proporzione alle spese effettuate e nei limiti della somma assegnata dal Ministero degli Interni per dette finalità, ora ammontante a £. 14.453.809 e riguarderà le spese sostenute nel corrente anno.

Art.  2
Possono accedere al contributo persone iscritte da almeno un anno all’anagrafe della popolazione residente, a condizione che il reddito complessivo goduto da tutti i componenti il nucleo familiare non superi i limiti di reddito stabiliti per l’esonero della presentazione della dichiarazione per effetto delle detrazioni d’imposta quando queste spettano per l’intero anno.

Art.  3
Verranno ammesse al rimborso percentuale le spese sostenute per:

n i farmaci acquistati della fascia “C2 che il medico curante ha certificato necessari ed insostituibili in relazione alla malattia dell’assistito;
n le spese per il ticket pagato per visite specialistiche, esami di laboratorio o e ami diagnostici;

Art  4
I documenti da presentare per l’ammissione al contributo, sono :

n istanza in carta libera, su modello predisposto dal Comune;
n stato di famiglia;
n copia dei mod. 740, o 730, o 101, o 201; in assenza dichiarazione sostitutiva dell’atto notorio attestante il reddito posseduto nell’anno PRECEDENTE (1) da tutto il nucleo familiare, compresi i componenti maggiorenni.
n fotocopia delle ricette con allegato lo scontrino fiscale del ticket pagato;
n Ricevute del pagamento effettuato del ticket per visite specialistiche, esami di laboratorio o diagnostici;

(1) (MODIFICA APPORTATA CON EMENDAMENTO N. 4788 DEL 24/3/1999.

Art.  5
Sarà compito dell’Amministrazione indicare modi e tempi per le richieste da presentare.

La eventuale ammissione al contributo e conseguente liquidazione sarà effettuata con delibera G.M., sulla base della documentazione presentata, delle proposte e dei pareri espressi.

ART.  6
Le eventuali ulteriori assegnazioni in oggetto, saranno liquidate con le modalità di cui al presente regolamento.