AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità MappaMappa del sitoProgetto SeOL

Titolo I - Principi generali


Il comune: autonomia, autogoverno e finalità


Articolo 1
Il Comune

Il Comune di Trecastagni è Ente locale territoriale, che rappresenta la propria comunità; autonomo, dotato di potestà normativa limitata alla emanazione di norme statutarie e regolamentari ed autarchico in quanto ha capacità di auto organizzarsi ed esercitare una potestà amministrativa e tributaria.

Esercita, secondo il principio di sussidiarietà, funzioni amministrative proprie, funzioni conferite o delegate dallo Stato, dalla Regione e dalla Provincia Regionale. La popolazione è costituita da tutti i cittadini iscritti nei registri anagrafici e che abbiano nel Comune la loro residenza.Il Comune può estendere i suoi interventi ai propri cittadini che si trovano al di fuori della propria circoscrizione o all’estero, attraverso la cura dei loro interessi generali sul territorio e iniziative sociali o assistenziali a favore dei suddetti soggetti dimoranti temporaneamente altrove.

Il territorio del Comune di Trecastagni si estende per Kmq. 18,96 e confina a Nord con il Comune di Zafferana, a sud con il Comune di S. Giovanni La Punta, ad ovest con il Comune di Pedara e ad est con il Comune di Viagrande. Il Palazzo Civico, sede comunale, è ubicato in Piazza Marconi n. 36. Le adunanze degli organi elettivi collegiali si svolgono nella sede comunale. Per particolari esigenze il Consiglio può riunirsi anche in luoghi diversi dalla propria sede.Emblema raffigurativo del Comune è lo stemma. Il Comune negli atti e nel sigillo si identifica con il nome “Comune di Trecastagni” e i bozzetti dello stemma e del gonfalone sono quelli storici. Nelle cerimonie e nelle altre pubbliche ricorrenze, accompagnato dal Sindaco,o suo delegato, si può esibire il gonfalone comunale nella foggia autorizzata simile all’originale. L'uso e la riproduzione di tali simboli per fini non istituzionali sono vietati.


Articolo 2
L’autonomia

L’autonomia normativa della comunità si realizza attraverso l’autonomia statutaria e la potestà regolamentare, secondo i principi della Costituzione, della legge generale dello Stato e della legge della Regione Siciliana.
L’Ordinamento locale garantisce ai cittadini appartenenti alla comunità effettiva partecipazione, libera e democratica, all’attività politico - amministrativa del Comune.
Qualora, per modifiche della normativa statale o regionale, si rendessero necessari adeguamenti o modifiche dello Statuto o dei regolamenti questi dovranno essere apportati, nel rispetto dei principi generali dell’Ordinamento e del presente Statuto, entro un anno dall’entrata in vigore delle nuove disposizioni o nel minore tempo previsto dalle stesse.

Articolo 3
L’autogoverno

L’autogoverno della comunità si realizza con i poteri e gli istituti di cui al presente Statuto, che nell’ambito di principi fissati dalla legge costituisce l’atto fondamentale, e con cui il Comune esplica la propria attività giuridica e amministrativa sulla struttura e per l’esercizio delle funzioni dell’ente.


Articolo 4
Lo Statuto

In attuazione dei principi costituzionali e legislativi, il presente Statuto costituisce l’Ordinamento generale del Comune, indirizzandone e regolamentandone con norme fondamentali organizzazione, procedimenti ed attività; specificando attribuzioni, forme di garanzia e di partecipazione. Ad esso devono conformarsi i regolamenti.


Articolo 5
I regolamenti

Il Comune emana regolamenti:

a) nelle materie ad esso demandate dalla legge n. 142/90 come recepita dalla legge regionale n. 48/91 e sue modifiche ed integrazioni, e previste dal presente Statuto;
b) nelle materie di competenza riservata dalla legge agli enti locali;
c) in tutte le altre materie di competenza comunale.
I regolamenti sono approvati dal Consiglio Comunale ed entrano in vigore il quindicesimo giorno dalla loro pubblicazione, dopo che la relativa delibera è divenuta esecutiva.


Articolo 6
Il ruolo del Comune

Il Comune assume il ruolo di agente di sviluppo locale, promovendo e sostenendo la concertazione e la partecipazione dei cittadini, delle forze sociali, economiche e sindacali. Esplica il proprio ruolo ed esercita le proprie funzioni anche attraverso attività che possono essere adeguatamente esercitate dall’autonoma iniziativa dei cittadini e delle loro formazioni sociali.Sostiene e promuove lo sviluppo dei comparti produttivi dell’economia locale, per favorire l’occupazione e rendere effettivo il diritto al lavoro, concorrendo con propri investimenti allo sviluppo economico ed occupazionale.

Promuove e partecipa alla realizzazione di accordi con altri soggetti pubblici e privati compresi nell’ambito territoriale, per favorire e rendere omogeneo il processo complessivo di sviluppo culturale, economico e sociale della comunità.

Promuove e tutela lo sviluppo delle risorse naturali, ambientali, storiche e culturali presenti nel territorio, per garantire alla collettività una migliore qualità della vita.

Si adopera per mantenere il suo territorio libero da impianti nocivi alla salute o determinanti pregiudizi all’ambiente e si impegna a dare piena ed efficace attuazione alla normativa regionale e nazionale in materia di salvaguardia della salute, dell'ambiente e del paesaggio.

Assume le iniziative e promuove gli interventi necessari per assicurare pari dignità e pari opportunità a tutti cittadini e per tutelare i diritti fondamentali, ispirando la sua azione a principi di equità e di solidarietà.

Promuove il rispetto dei diritti del contribuente ed in particolare dei diritti relativi all’informazione ed alla semplificazione degli adempimenti.

Nell’adozione delle disposizioni tributarie, il Comune applica i principi di chiarezza, trasparenza e irretroattività delle norme e, nei rapporti di carattere tributario, applica i principi della collaborazione, della buona fede e del giusto procedimento.

Promuove e fa propria la cultura della tolleranza e dell’antirazzismo, della partecipazione alla vita sociale dei portatori di handicap, del rispetto per l’ambiente e per gli animali. Valorizza il contributo della cittadinanza al governo della comunità locale, tutela gli interessi dei consumatori ed assicura ai cittadini la facoltà di agire per la tutela dei diritti diffusi.Assicura il diritto di accedere all’informazione, agli atti, alle strutture e ai servizi dell’amministrazione, nonché il diritto di presentare istanze, proposte, petizioni ed il diritto di udienza.


Articolo 7
Le finalità e gli obiettivi

Il Comune, nell’ambito delle finalità connesse al proprio ruolo, persegue i seguenti obiettivi:1) Obiettivi politico - territoriali ed economici

- Tutela dei valori ambientali e paesaggistici del territorio, del suo patrimonio archeologico, storico ed artistico come beni essenziali della comunità.

Nell’ambito di queste funzioni istituzionali provvede:

a) alla protezione del patrimonio naturale;
b) alla tutela dell’ambiente e alla attività di prevenzione, controllo e riduzione dell’inquinamento;c) alla difesa del suolo e del sottosuolo;
d) alla promozione delle iniziative volte alla riduzione dei consumi di prodotti nocivi alla salute ed all’ambiente;

- Tutela e corretto utilizzo del territorio in quanto bene economico primario.Nell’ambito di queste funzioni istituzionali provvede:

a) alla pianificazione territoriale per un armonico assetto urbano;
b) alla qualificazione degli insediamenti civili produttivi e commerciali;
c) agli insediamenti produttivi e le infrastrutture per favorire lo sviluppo economico;
d) al recupero dei centri storici;
e) ad esercitare, nell’interesse della collettività, ogni azione diretta all’inibitoria o al risarcimento del danno ambientale.

2) Obiettivi politico – sociali

Il Comune si propone la tutela e la promozione della persona contro ogni forma di illegalità.

Nell’ambito di queste funzioni istituzionali provvede:

a) a diffondere la consapevolezza della convivenza civile e dell’ordine democratico;
b) a favorire la diffusione di una cultura dei diritti e della legalità;

Promuove ed assume iniziative per l’affermazione dei valori e dei diritti dell’infanzia e delle fasce deboli, in particolare dei portatori di handicap e degli extracomunitari.

Nell’ambito di queste funzioni istituzionali provvede:

a) a favorire la funzione sociale della cooperazione con carattere di mutualità;
b) a promuovere la solidarietà della comunità locale;
c) ad esercitare un ruolo attivo nella politica scolastica;
d) ad interessarsi alla crescita civile e culturale delle giovani generazioni;
e) a tutelare il ruolo della famiglia;
f) a valorizzare le forme associative e di volontariato dei cittadini;
g) ad assicurare la partecipazione degli utenti alla gestione dei servizi sociali;
h) a promuove interventi per la prevenzione del disagio giovanile;
i) a mantenere e sviluppare legami culturali, sociali ed economici con gli emigrati.

3) Obiettivi politico - culturali ed educativi

Il Comune riconosce tramite iniziative culturali e di ricerca, di educazione e di informazione, il diritto fondamentale dei cittadini per raccogliere e conservare la memoria della propria comunità.Nell’ambito di queste funzioni istituzionali provvede:

a) alla diffusione della cultura promuovendo l’attività dei circoli e dei gruppi culturali;
b) a valorizzare le testimonianze storiche ed artistiche, di tradizione e di folclore;c) a favorire la promozione delle attività sportive;d) ad informare l’attività amministrativa ai principi della partecipazione democratica, della imparzialità e della trasparenza;e) ad attuare le disposizioni della legge regionale 30 aprile 1991, n. 10, garantendo ai cittadini interessati la partecipazione al procedimento amministrativo.